12 Guaritori/Personalità

Cerato (ceratostigma willmottiana)

“ Per quelli che non hanno sufficiente fiducia in se stessi per fare quello che hanno deciso.

Essi chiedono costantemente consigli altri e spesso vengono fuorviati”

E.BACH

Piccolo arbusto originario del Tibet, assente in Italia cresce solo se coltivato in giardini in pieno sole, su terreno fertilizzato, arriva fino ad un mt di altezza, i suoi piccoli fiori hanno quattro petali blu con sfumature viola e fiorisce ogni giorno da giugno a fine agosto; due o tre fiori, durano un pò poi muoiono e ne rinascono continuamente . In inverno scompare e poi ributta foglie e fiori . Le sue foglie sono romboidali, acuminate alla base, fittamente pelose nella parte inferiore e provviste di grossolane ciglia sui margini. La pianta ha una magica impronta Saturnina per i fiori blu e viola, per la pietrificazione del calice, per il suolo asciutto e pietroso che predilige.
Saturno è il più estremo dei pianeti visibili e segna quella zona di transizione che va dal nostro mondo del qua a quello dell’aldilà, simboleggia il limite di demarcazione fra l’immateriale ed il materiale. Il nome volgare di cerato è plumbago, tradotto piombaggine dal latino plumbum ago, ( ago=conduce) ed il blu piombo è il metallo di Saturno.

Quando si cerca una spiegazione per capire come mai Bach scelse proprio questo fiore, s’incontrano sempre delle difficoltà e la questione rimane nebulosa: Cerato non a caso, è il rimedio per l’incertezza; inoltre la sua origine tibetana può affermare, con buona ragione, la sua capacità di rafforzare la fiducia nella propria voce interiore. Il Tibet è, infatti, da sempre considerato il paese della spiritualità, dell’interiorità e della saggezza. Cerato non ha fiducia in se stesso, dubita sempre di ciò che pensa e chiede in continuazione il parere di chi lo circonda. Troppo influenzabile, rischia di perdersi , zittendo la propria voce interiore. l’intuito viene bloccato, fuorviato da stimoli esterni. I suoi dubbi sono in particolare di ordine intellettuale e morale e la sua continua ricerca è di rassicurazione sulle proprie idee, che di fatto, benché inconsapevolmente, ha già dentro di sé. Nell’incapacità di ascoltarsi, passa da sciocco e cerca di catturare un sacco di informazioni da tutti, si aggrappa agli altri perché ha perso il contatto con il suo centro interiore di conoscenza. Cerato è una persona socievole che desidera essere accettata da un gruppo precostituito e trasferisce all’esterno su persone reputate importanti quell’autorità a lui mancante.
Non possiede una base sicura e affidabile su cui poggiare le proprie decisioni, cerca la verità nel mondo esterno, giustifica sempre la sua irresponsabilità, ha sempre una scusa per tutto, poco impegno e poca perseveranza. Attaccato alle convenzioni sociali e alla moda, tende ad imitare gli altri, si focalizza sull’ottenere informazioni e vive una dispersione energetica. Il forte desiderio di fare sempre la cosa giusta, e la voglia di non farsi nemici è il tema fondamentale di Cerato. La “giustezza”.
I quattro petali mostrano la necessità di un centro, di una fiducia interiore che andrà a risolvere la dispersione energetica consumata nel dubbio.
Le foglie pelose nella parte inferiore ci riportano alla difesa, ma osserviamo bene, esse indossano ciglia grandi come antenne per captare la voce dell’Universo che si rivela in se stesso . L’essenza di Cerato permette di avere opinioni proprie, determina la certezza della direzione interiore, insegna a sostenere le proprie opinioni. Ora l’intuito è sostenuto anche dalla ragione, nasce un atteggiamento di tranquilla certezza….un ponte tra il cuore e la mente.

Il vero grande viaggio è dentro di noi

AZIONE ENERGETICA = Introversione… Mi fermo e porto dentro me stesso l’attenzione

QUALITA’ PSICHICA = Risposta…. Chiedo con forza, e attendo con fiducia la risposta

PRINCIPIO EVOCATO = Voce del Maestro…. nel silenzio odo la voce del maestro nel mio cuore

CERATO NEI BAMBINI Generalmente sono dei creduloni e spesso scelgono di “non crescere”, seguono di buon grado gli ordini impartiti purtroppo anche quelli non proprio sensati. La fase dei “perché” è indubbiamente una fase Cerato. Incertezza motoria e decisionale, continua correzione di quanto già fatto.

STATO NEGATIVO: ingenuo, credulone – introverso – volubile – dubbioso – influenzabile, suggestionabile – autodisprezzativo -insicurezza – superficialità – convenzionale – superstizioso – pigro – manca senso pratico – dipendenza – perdita visione insieme – intellettualizzazione – scoraggiamento – dispersione – ignoranza – confusione –

STATO POSITIVO: saggezza -responsabilità -intuizione, ispirazione – innocenza – curiosità affidabile – autostima – portati alla ricerca – forti e sicuri della propria verità –

ANALISI TRANSAZIONALE: Io non sono ok – Tu sei ok

VAI IN RUBRICHE “VICINI A DISTANZA” E ASCOLTA IL VIDEO MESSAGGIO DI CERATO!!!!

APPLICAZIONE DEL FIORE NEI TRATTAMENTI DEI SINTOMI SECONDO GLI ASPETTI TRANSPERSONALI: Cerato ci parla di dispersione ed è di aiuto nei trattamenti dei sintomi come disturbi sensoriali, di concentrazione e coordinazione della motilità, disturbi visivi, lentezza di guarigione, mal di testa, ipertensione, tachicardia, ansia, insonnia, arteriosclerosi, asma, disturbi alla milza, pancreas e colon.