19 Filtri/Fiori Evolutivi

Red Chestnut (aesculus carnea)

Ippocastano rosso

“ Per quelli che non possono impedirei di essere ansiosi per gli altri. Arrivano spesso a cessare di preoccuparsi per loro stessi, ma si rendono molto infelici, perché spesso provano un’ansia anticipata per qualche avversità che possa colpire coloro che amano.”

E.BACH

Albero decorativo molto comune lo si trova spesso nei viali alberati o nei giardini, fiorisce da marzo a giugno con grandi e vistosi fiori profumati di colore rosa intenso e sfumature di rosso, sopra grandi infiorescenze di forma piramidale o di candelabro, come l’ippocastano bianco. L’ippocastano rosso è un ibrido, e come tale è segnato da una debolezza profonda: l’albero sembra forte e vitale, ma in realtà è delicato. Osservando i fiori di questo albero, di colore rosa-rosso raccolti in grappoli con il calice rivolto verso l’alto, si ha l’impressione di forza chiara e tranquilla che è sia amorevole ( nel rosa, colore del cuore e dell’apertura verso gli altri ) sia potente ( nel rosso, colore della forza e dell’aggressività ). Una sensazione di energia proiettata all’esterno che si diffonde tutto intorno. Infatti la persona Red Chestnut nello stato negativo, proietta all’esterno ansie e paure per i propri cari dove l’amore per quest’ultimi è accompagnato dall’aggressività e dalla preoccupazione eccessiva. Red Chestnut è caratterizzato da un forte legame interiore con le persone che ama, poiché la sua qualità armonica è l’altruismo, nello stato disarmonico egli sviluppa la tendenza a preoccuparsi esageratamente per la salute dei propri cari, fino ad arrivare a non riservare verso se stessi alcuna attenzione.

Persone apprensive che con le proprie paure rendono prigioniere le persone amate. Per chi considera la vita una minaccia. La proiezione delle proprie problematiche interiori sulle persone care diviene così il nocciolo del carattere Red Chestnut : la componente egoistica porta tali soggetti a vivere la vita altrui come se fosse la propria e, così facendo, essi attuano inconsciamente una pressione psicologica sulle loro “vittime” per convincerle a prestare attenzione a tutto quanto sembra loro importante. Occorre coltivare altri aspetti: l’accettazione che non siamo responsabili di nessuno se non di noi stessi, avere fede, sperimentare la fede, la libertà e l’ottimismo. In fondo, lo stato Red Chestnut non è altro che un collegamento sul piano sbagliato, a un livello soggettivo, emozionale, angosciato dalla personalità anziché a un livello spirituale. Red Chestnut aiuta a trasformare i nostri pensieri negativi, in modo da guardare alla vita con rinnovato ottimismo; insegna un nuovo modo di amare, meno ansioso e protettivo, migliorando il nostro rapporto con le persone care.

In situazioni difficili capacità di irradiare pensieri positivi di sicurezza, salute e coraggio.

AZIONE ENERGETICA = Distacco… Mi tranquillizzo e creo la giusta distanza tra me e gli altri

QUALITA’ PSICHICA = Individualità…. Libero il mio Io dalla paura e da false identificazioni

PRINCIPIO EVOCATO = Indipendenza…. Delimito i confini di me stesso e costruisco la mia indipendenza e la mia forma

RED CHESTNUT NEI BAMBINI Lattanti in fase di svezzamento, iperprotettività verso i fratelli minori, paura e preoccupazione per i famigliari, difficoltà a separarsi dai genitori anche per brevi periodi.

STATO NEGATIVO: aggressività – rabbia – controllo – possessività – potere – angoscia – ansia – assenza di fede – dipendenza – pessimismo – apprensione – soffocante – parassita –

STATO POSITIVO: Ottimismo – fede – accettazione – libertà – altruismo – capacità di trasmettere aiuto spirituale – prontezza in caso di emergenza – emana tranquillità – interesse e partecipazione per gli altri –

ANALISI TRANSAZIONALE: Io sono ok – Tu non sei ok Io non sono ok Tu sei ok

VAI IN RUBRICHE “VICINI A DISTANZA” ASCOLTA IL MESSAGGIO DI RED CHESTNUT!!!

APPLICAZIONE DEL FIORE NEI TRATTAMENTI DEI SINTOMI SECONDO GLI ASPETTI TRANSPERSONALI: Red Chestnut ci parla di aderenza e trova applicazione nei sintomi come dermopatie, abuso di nicotina, palpitazioni, ipertensione, disturbi reni e vescica, emicrania, mal di testa, tensione collo e spalle, insonnia, asma, tachicardia, diabete, disturbi del metabolismo, colon irritabile, obesità, lombalgia, anemia, amenorrea, crampi stomaco, stanchezza cronica.